La rivista
Dopo aver effettuato il Login sarà possibile accedere ai contenuti della rivista, sfogliarla online e scaricarla in PDF.
in primo piano
News della letteratura
Il recupero del peso corporeo vanifica i benefici cardio-metabolici del calo ponderale
L’obesità rappresenta un importante fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiometaboliche ed è noto che la perdita di peso riesce a prevenire o rallentare lo sviluppo delle complicanze associate all’obesità.
Inibitori SGLT-2 come scudo contro i ROS a livello cardiaco
Uno degli aspetti fisiopatologici dello scompenso cardiaco è rappresentato dall’infiammazione vascolare di basso grado (low grade vascular inflammation), in grado da sola di determinare disfunzione endoteliale.
Variabile, non sereno! Attenzione alle oscillazioni di glicata, il rischio cardiovascolare aumenta
Ottenere un buon controllo glicemico è fondamentale per ridurre il rischio di complicanze cardiovascolari (CV) e microvascolari (MV) nei soggetti con diabete mellito (DM). Meno noti in generale sono gli effetti sulle complicanze della variabilità glicemica.
Variazioni nel consumo a lungo termine di bevande zuccherate e di bevande light negli Stati Uniti ed effetti sull'incidenza di diabete tipo 2
L’ipotesi di una relazione tra consumo di bevande zuccherate ed incidenza di diabete tipo 2 (DM2) è supportata da numerose evidenze epidemiologiche. Diversi trial randomizzati hanno dimostrato effetti negativi del consumo di bevande zuccherate su numerosi fattori cardiometabolici.
Empagliflozin, eritropoietina e cuore
Recenti trial di intervento in cui è stato valutato l’effetto dell’impiego degli inibitori di SGLT2 (SGLT2i) hanno dimostrato un effetto protettivo di questa classe di farmaci su diversi outcome cardiovascolari tra cui ospedalizzazione per scompenso cardiaco, insorgenza e progressione dell’insufficienza renale, mortalità sia da causa cardiovascolare sia da tutte le cause.
Scarica l'app per il Calcolo del GFR!
Con il supporto educazionale di